Pecorino e Passerina, Trebbiano e Montepulciano: l’Abruzzo punta sugli spumanti “autoctoni”